Il poeta a volte ha bisogno di una rima per la parola "uomo". Questo articolo lo aiuterà.

Rima per la parola "uomo"

La consonanza delle parole, grazie alla quale viene creato un poema, si chiama rima. Li hanno messi alla fine delle linee.

rima per la parola uomo

Esistono diversi tipi di rime. La loro suddivisione dipende dalle parti del discorso e dalle forme di parole che partecipano alla versificazione.

Le rime banali sono selezionate dalle parole di una partediscorso. È anche importante che le parole vengano utilizzate nella stessa forma. Ad esempio, una rima banale per la parola "uomo" è un nome maschile, singolare nel caso nominativo. Questi possono essere chiamati: secolo, arca, stratega, neve, taglialegna, breg, parsec, durante la notte, fuga, incursione, Tuareg, Pecheneg, Imrek, Track, Abrek, Shnek, Oleg, Janibek.

Più complesse sono le rime relative auna parte del discorso, ma in piedi in forme diverse. Ad esempio, la rima per la parola "uomo" in questa variante sarà anche un sostantivo, ma il plurale femminile nel caso genitivo. Esempi: file di carte, mutui, librerie di film, biblioteche, colleghi, storpi, farmacie, fiumi, aree di taglio, neg, omeg, carrelli.

La cosa più difficile è creare una rima da parole correlate aa diverse parti del discorso. Questo poeti virtuosi. La parola "persona" può essere, per esempio, a rima con avverbi "per sempre" e "per sempre" e il verbo passato imperfettivi "fiumi" che è "ha detto."

Un esempio di utilizzo di rime per la parola "uomo"

Spesso in versificazione, i poeti ricorrono acroce, anello, rima adiacente. Significativamente meno comunemente usato, quando tutte le linee sono rimate da una parola. E molto raramente questa filastrocca passa attraverso l'intera opera.

creare una rima

Una nuova tendenza nell'arte poetica - rap -usa questa tecnica abbastanza ampiamente. I giovani giocano con le parole, usando omonimi, omofoni, omonimi come rime. È difficile giudicare la qualità di tali opere. Ma il fatto che attirino l'attenzione è difficile da sfidare.

È fiero dei fiumi:

-Sono un uomo!

No, non l'Aztec,

Non un pecheneg,

Non tuareg,

Lungi dall'essere greco,

Non sono uzbeko

E non abrek.

Sono Rusich! Così fiero di esserlo! Per sempre.

Russia - è lì che alloggio la mia notte,

Il focolare, la mia famiglia, il mio Breg,

Nel flusso della vita è la mia arca.

Amo il flusso di fiumi incantevoli,

In inverno, la neve che vola dal cielo,

In campi attraverso venti di vento

In autunno e il cigolio dei carri

Loaded. Vivo come Shrek,

Nella foresta Non ho bisogno di una farmacia,

Biblioteche e mutui.

In sintonia con la natura del nome

Può vivere senza discoteche,

Computer e librerie di film.

Disprezzando colleghi, calico, storpi,

Niente affatto da solo. stratega

Posso calcolare la mia età.

Sono felice quell'uomo!</ em </ p>